“S”considerazioni sul DMR

Da 3 giorni ho una radio DMR. Che io sia ignorante nel programmarla lo ammetto. Ma le considerazioni sono in generale sul sitema.
Premetto che vengo da 3 anni di Wires-X/C4FM e non sono affatto “tifoso” ne del primo che del secondo. Tutti e due hanno potenzialità (credo il DMR di più), la qualità della voce digitale è ottima per entrambi i sistemi ma….
Prima considerazione pseudo tecnina: una radio yeasu la programmi in 5 minuti (rx,tx,e poco altro) una dmr no. Cambi le room (equivalenti dei TG) in 2 secondi via radio…no sulla DMR ti devi fare un pacco così fra canali, contatti, zone.
Lasciamo stare questo (ripeto ignoranza? Sicuramente, ma ci arrivo). Andiamo al succo della storia.
Ci sono lato DMR 3 reti : BD (breindmaster), Dmr+ (Italia), IT-DMR a volte si parlano fra di loro alcune di loro si parlano altre no.
La situazione è che per ognuno di noi aggancia un ponte che è connesso ad una rete diversa o peggio, che il ripetitore X, che da mesi lavora in BD, ove magari la gente ha i suoi contatti o quanto altro, diventi DMR+ o qualcos’altro …..cambiano i TG cambia tutto.

Io mi chiedo ma che senso ha all’interno di uno stesso standard costruirsi le parrocchie? Che senso ha? Io capisco i siti internet che guadagano con la pubblicità….ma lato radio mettersi in competizione che senso ha?

La sperimentazione? No bello bello. Se vuoi sperimentare i sistemi digitali ti fai un hotspot personale per rispetto degli utenti del ponte che manutieni ed amministri. Li ti sperimenti d-star/tutti i dmr/wires-x/p25 ma è totalmente irrispettoso cambiare “idea” su ponti che coprono intere regioni. Questo non è sperimentare è mal costume.

La cosa non mi impatta o meglio relativamente ma il concetto è che si è perso, come da anni, lo spirito ham.
Se sei rispettoso sperimenta quello che vuoi con 10mw dentro casa non su un ponte regionale. DMR dovrebbe almeno quello essere uno non tre reti che si parlano e non si parlano a seconda di cosa decide il ponte X o Y.

Se ci mettiamo gli altri due sistemi siamo apposto!

Non si capisce chi parla con chi e come farlo. La solita Italia dove ognuno fa quello che vuole. Risultato? La gente delle vostre parrochie che nascono per alimentare il vostro ego se ne frega e si allontana.

Anche a livello Room/TG ognuno si fa la sua ….scusate ma se già sul nazionale c’è poco traffico spacchettare e confondere a cosa serve? Solo a confodenre la gente.

Vi piace così continuate pure ma non c’è alcuno spirito radiantisco a far cosi’.

73
IU2 DLC Pietro

5 Comments

  1. Salve Pietro,
    ho letto il tuo articolo e, premettendo che utilizzo i sistemi digitali anch’io (d-star, c4, dmr…) non posso fare altro che essere d’accordo con te; anche se comunque è possibile collegare un ponte ad una rete diversa, il vero problema sono appunto i radioamatori, e la solita mania di protagonismo all’italiana, “io faccio le cose meglio di te, la mia rete è migliore, ho tante persone che mi seguono, ecc.ecc..”, e poi finisce tutto a schifio, Con l’avvento del digitale, la situazione di disgregazione (non che prima non ci fosse!) tra utenti è peggiorata, creando conflitti e litigi veri e propri, per cosa poi…..la vita è tanto complicata, se poi la gente se la deve complicare anche con gli hobbies….contenti loro ! La radio è “radio” in tutti i modi e sistemi, è ciò dovrebbe far avvicinare ancor più i radioamatori, non allontanarli, non creando lobby….ma, come detto prima, è colpa di noi italiani, che pensiamo egoisticamente, in tutti i campi e settori, senza pensare che facciamo male anche a noi stessi…..

    • Ciao Ascanio, la penso come te. Da una decina di giorni sono anche in DMR. Pointi linkati qui e lì TG che funzionano da un lato e non dall’altro, stessi TG con tre numerazioni diverse ma per cosa?
      Invece di aggregare si allontanano quella comunità di radioamatori che ad oggi non è che sia tanto grande di se , se poi sminuzziamo fra tre sistemi digitali ognuno con diverse modalità di accesso e diverse reti e sottoreti….cioè finiamo per parlare da soli. Ma che senso ha?
      Si dovrebbero creare sinergie in modo da avvicinare la gente non parrocchie e parrocchiette. Non ha senso.
      Alla fine non ci vorrebbe troppo a mettersi d’accordo, è un hobby non una sfida a chi è il migliore.
      Tutti fanno bene ma nel contempo fanno male.
      Io sono diretto. 10 giorni in DMR. A prescindere l’intrinseca relativa difficoltà. Tre reti, ogni ripetitore likato su una delle 3…così la gente si tira scema! TG differenti per numerazioni ed interconnessioni. Ma a chi giova tutto questo?
      Non mi piace così, non ha senso alcuno.
      In ultimo regole ferree “il TG nazionale va usato solo per un primo contatto” ma dico io sono da giorni in swl sui tg nazionali e capita uno ogni 2 ore? Dove e’ questo grande traffico che motiverebbe i pochi utenti a spostarsi su TG/Room regionali?
      Posso capire se ci fosse traffico ma non c’è anima viva sul TG222 delle 3 reti spesso e volentieri…..
      Se già non becco nessuno lì chi dovrei contattare sulle decine di TG regionali/locali/TAC ? Nessuno.

      In due parole sistemi dimensionati per milioni di utenti quando poi per quanto detto ci saranno ogni tanto 2/3 utenti che si devono sbattere fra rete 1/2/3 , TG regionali, multiprotocollo e menate varie.

      Mi spiace io mi sto su TG222 rispettando l’etica Radioamatoriale, e vedendo quel che succede. Me ne frego se qualcuno dice che non devo star li….fino a quando è vuoto e non disturbo nessuno queste regole le contraddico.

      Io come penso te e tutti….ci interessa far qso educato e gentile. Logico che se c’è traffico ci si sposta ma non esiste che a sistema vuoto io non possa parlare ove voglia 🙂

      Spero di sentirti in Radio, 73,

      IU2 DLC
      Pietro

      • Quello che hai capito in pochi giorni, è solo una piccolissima parte di quello che accade in questo piccolo mondo, io sono in dmr da tempo ormai, anche se di qso in tale sistema sono proprio pochi, xchè, come dicevi, c’è poca gente in quanto frammentata tra le varie room / TG, e non è che si può ogni qualvolta a “qualcuno/gestori server” viene in mente di cambiare numerazione, per vari motivi, si deve riprogrammare le radio modificando decine e decine di canali memorizzati….o, come nel mio caso, che sono spesso in giro per lavoro, conoscere prima le frequenze nella zona dove dovrò andare per poterle programmare….se voglio parlare…..assurdo!
        Io sono per il VFO e la programmazione al volo in base all’esigenza direttamente dalla radio….le radio DMR (non il protocollo) sono nate per un uso civile, per coloro che devono solo “premere e parlare” non per i radioamatori, che devono smanettare….io devo poter cambiare frequenza e dove c’è un qso, mi devo fermare e unirmi alla chiacchiera….
        Ecco perchè preferisco di gran lunga il D-Star e C4, e soprattutto l’analogico….
        Questi non sono commenti critici o di disprezzo, ma spero che chi legga e bazzica “solo” in DMR, sappia cosa succede, o meglio, cosa pensano tanti utenti al di fuori di tale sistema (xchè non siamo solo noi due a dire queste cose, ma tanti altri radioamatori), e capisca che questo sistema (o queste persone) sta/stanno solo creando casino e confusione, e se ci sono pochi utenti….si facciano alcune domande, non solo stupide ipotesi….
        Magari ci si chiacchiera in radio….

        73
        IZ7ZKB Ascanio

        • Come non condividere il tuo dire. Io sono radioamatore e smanettone in Informatica….eppure questo sistema mi ha spiazzato. Non che non ci riesca ma mi sembra l’accrocco di un ottomi sistema nato per usi civili adattato al mondo radioamatoriale. Fino a qui ci siamo. Spiace dire che i nostri colleghi invece di facilitare un mondo già di suo relativamente complicato ci hanno messo il pepe per renderlo ancora più complicato e non dico solo a livello tecnico ma si poteva evitare. 3 Reti in Italia…ripetitori che non si sa dove siano agganciati (su quale rete) TG che cambiano a seconda di gusti/reti/interconnessioni. Per cosa? Non l’ho capito!
          Io ho comprado un Radioddity GD-77. Bella radio ma sia la logica che il SW di programmazione sono i peggiori prodotti informatici che vedo in 30 e passa anni. Ok mi dicono che spendi poco=hai poco. Ci stò alla fine non sono scontento perchè almeno è fatta bene ed è bibanda in analogico quindi male che vada se mi stufo del DMR (cosa che continuando così capiterà presto) me la uso sui ponti in Analogico…quelli almeno con i loro limiti ma funzionano e non cambiano mai 🙂

          Onestamente sono molto aperto mentalmente, anche se sono come te da VFO ed analogico…vengo anche dal Wires-X/C4FM che in molti snobbano perchè “chiuso” però almeno lì premo un tasto sul Ripetitore X e vado in digitale su una sola rete e mi son fatto QSO in mezzo mondo senza problemi…al massimo cambi la “room” (equivalente del TG) e mai avuto problemi…..

          La programmazione e la serietà è Yaesy quindi fatta bene, funzionale ed intuitiva!
          La room Italy è interconnessa con il DMR insomma parli con tutti senza scervellarti con SW allucinanti e con diverse reti.

          Cosa dire? Il prezzo che si paga all'”open source”. Tutti fanno quello che vogliono. Li diventa filosofia pura? Cosa è meglio la libertà che spesso lato IT e radio si tramuta in anarchia o un sistema che funziona anche se propietario? Io sono per la seconda (infatti ad esempio uso Mac OSX da più di 10 anni) alla fine le cose devono funzionare, bene, e con un livello di complicazione non troppo elevato.

          Tornando alla radio, siamo radioamatori, ci piace parlare, collegare…non possiamo star li a farci il fegato marcio fra BM,DMR+, IT-DMR…. poi tutto in evoluzione…come dicevi tu cambiano i parametri ed uno che viaggia solo con la radio dove si “attacca”? Al Tram visto che ti cambiano le cose di giorno in giorno.

          Insomma Ascanio…si sperimento ma non son troppo contento di questo DMR.

          Ci sentiamo, vai a vedere che fra una prova e l’altra ci becchiamo in radio e ci facciamo una chiaccherata 🙂

          73,
          Pietro IU2 DLC (il famoso antennino sullo stendino) 🙂

          • Caro Pietro, potremmo stare a parlare ore ed ore di queste cose, per molti magari è anche inconcepibile quello che stiamo dicendo, come ad esempio quello che hai scritto “molti considerano il wiresX un sistema chiuso”….cacchio! se il wiresX è chiuso, il DMR cos’è allora…aperto !!!!!! …..che limitano l’uso e la voglia a tutti ?!?!?! Chi dice queste cose credo che non ha ben chiaro l’utilizzo, o meglio (peggio, dipende dalle circostanze), come funziona la radio o quel sistema….Se consideriamo che tante persone non sanno impostare un tono sql per l’accesso ad un ripetitore, figuriamoci se sono in grado di capire come funziona una radio/sistema digitale…ma sorvoliamo, ad ognuno il suo….Il problema non è il costo della radio, software opensource o proprietario (anch’io preferisco quest’ultimo, xchè fatto in un certo modo da persone che ci lavorano 24H, non per hobby o quando si ha tempo, compromettendo la stabilità di un sistema [a parte certi casi]….), ma come al solito, da certi personaggi che non sanno come ancora complicare la vita a se stessi e ad altri, xchè in italia, se non complichiamo le cose non siamo contenti.
            Il DMR è un buon protocollo di comunicazione, ma se fatto funzionare bene….cosa che ancora non ho visto, a parte i disaccordi e litigi vari tra gestori, manutentori, associazioni ecc. ecc…
            Mah, forse un giorno, metteranno la testa sulle spalle….sino ad allora, noi parleremo e ci faremo due risate in tutti gli altri modi e sistemi, quelli che i “DMRiani” considerano vecchi, obsoleti ed inutili.

            73

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.